Skip to content

Ferito a 16 anni nel palazzo-ghetto

17 febbraio 2010

Via Nicola Antonio Porpora 161

Tra la circonvallazione esterna e l’anello ferroviario, Zona 3, MM2 Lambrate

(Foto Google street view)

Un litigio tra sei inquilini nel palazzo di via Porpora 161 è finito con il ferimento a coltellate di un sedicenne algerino. Il ragazzo, colpito al braccio in modo non grave, e’ stato accompagnato in Questura insieme ad altri due giovani marocchini di 25 e 23 anni. Altre tre persone hanno partecipato alla rissa ma non sono state rintracciate. Sembra che i sei uomini stessero discutendo su un conto in sospeso, forse proprio per l’appartamento che dividevano vicino alla stazione di Lambrate. Il diverbio è iniziato ed è degenerato in casa. La vittima è stata soccorsa in strada verso mezzogiorno.

Via Porpora si trova a poche centinaia di metri da via Padova, dove sabato scorso è stato ucciso un giovane egiziano.

***

Accanto alla lapide che ricorda la vicenda del partigiano Oliviero Volpones, morto a 40 anni ucciso dalle guardie fasciste, e che abitava qui, sul portone di via Porpora 161 c’è sempre qualche annuncio immobiliare. Sarà che il palazzo avrebbe un urgente bisogno di essere ristrutturato, e che oggi come oggi non è proprio una destinazione allettante: sembra piuttosto un esempio perfetto per capire l’origine immobiliare dei ghetti d’Italia.

Dalla fine del 2009 è in vendita nel condominio un appartamento all’ultimo piano. Arrivarci non è cosa agevole: bisogna salire a piedi cinque rampe di scale, saltare i materassi abbandonati per terra e superare la fetida latrina comune piantata in mezzo al corridoio. Una volta raggiunta la meta, due stanzette buie vendute a prezzo (neanche troppo) stracciato, potete però divertirvi a raccontare all’agente immobiliare che un po’ di mesi fa, proprio in quel bilocale, è stato smantellato un laboratorio dentistico clandestino. Ah, se era straniero? No no, italiano. Sardo, per la precisione.

Guarda la mappa generale della cronaca nera in città

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: