Skip to content

La rapina etnica che marca il territorio

2 marzo 2010

Via Giovanni Battista Grassi

Periferia nord-ovest, Zona 8, Linee S Certosa

(Foto Google street view)

“Siamo italiani, qui comandiamo noi”. Lo hanno gridato i due uomini sui trent’anni che ieri sera, pistola in pugno, hanno rapinato un negozio cinese a Quarto Oggiaro, periferia nord-ovest della città. Un colpo da poche migliaia di euro che diventa un modo per rivendicare il predominio sul quartiere. Con il volto coperto da caschi i due ladri sono entrati verso le 18 di lunedì nel bar “Happy hour” di via Giovanni Battista Grossi, non lontano dall’Ospedale Sacco. Mentre il primo restava vicino alla porta a fare da palo, l’altro si è avvicinato alla titolare, una ragazza cinese di 21 anni e con accento campano ha detto a tutti i presenti: “Siamo italiani, qui comandiamo noi, state calmi e non succederà nulla”. Dopo aver minacciato la donna con la rivoltella si è fatto consegnare l’incasso di circa 2 mila euro oltre a una decina di stecche di sigarette. Prima di risalire sullo scooter su cui sono arrivati, i rapinatori hanno chiesto: “Non chiamate la polizia. Lasciateci andare via”.

Guarda la mappa generale della cronaca nera in città

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: