Skip to content

Uditi fini e scassinatori con mamma e papà

15 aprile 2010

Via Giuseppe Ripamonti 18

Vicino alla cerchia dei bastioni, zona 5, MM3 Porta Romana

Google street view

Ha 65 anni e un udito di ferro, ed è il vicino di condominio che tutti vorrebbero avere. Quello capace, nell’arco di due anni, di sventare due rapine nei negozi sotto casa.

Siamo all’inizio di via Ripamonti, non lontano dalla Bocconi. Affacciati sulla strada ci sono l’oreficeria Prisma e un negozio di vestiti, mentre al piano di sopra, in questa palazzina di tre piani, c’è l’appartamento del signor Villa. Quando ieri sera alle 23.30 tre ladri hanno iniziato ad armeggiare davanti alle saracinesche, lui ha allertato sia il 112 che i titolari delle due vetrine. All’arrivo del proprietario della gioielleria, le pattuglie dei carabinieri erano già parcheggiate in via Ripamonti e una donna di 35 anni era già stata fermata nelle vicinanze. Gli altri due complici, il marito di 40 anni e un ragazzo di 16 anni, probabilmente il figlio della coppia, sono stati arrestati poco dopo nel loro appartamento di piazza Dominioni, non lontano dal luogo della tentata rapina. Il minorenne è stato affidato al Centro di prima accoglienza Beccaria.

Prima di fuggire lasciando sul marciapiede il piede di porco, i sospetti ladri sono riusciti soltanto a danneggiare l’esterno del negozio di abbigliamento. Tra le ipotesi c’è quella che i tre volessero entrare nella boutique per poi sfondare il muro laterale e razziare la gioielleria di fianco. Una dinamica che era andata in scena un paio di anni fa, quando un gruppo di rapinatori era entrato negli uffici accanto all’oreficeria e aveva iniziato a picconare il muro. Anche quella volta l’incursione notturna si era fermata di fronte all’udito di Villa, che aveva chiamato i soccorsi. La “banda del buco” era riuscita a scappare a metà dell’opera: abbattuta la parete del primo edificio, per entrare nell’orologeria Prisma c’erano ancora da superare i 40 centimetri della seconda parete, quella della palazzina al civico 18.

“La mia riconoscenza per Villa è infinita. È già la seconda volta che, senza guadagnarci nulla, salva il mio negozio”, commenta il titolare della gioielleria. Ma per il futuro c’è una preoccupazione: “Tra qualche mese Villa si trasferisce in un altro appartamento. Come farò senza di lui? Quasi quasi lo convinco a restare.”

Guarda la mappa generale della cronaca nera in città

Annunci
One Comment leave one →
  1. Madeleine permalink
    11 maggio 2010 09:54

    Bellissimo blog!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: